Decisione…?

 
 
Sarò soldato
come già lo fui
morto in Val Badia
 
Nobile è il cimento che mi attende.
Vita si chiama la mia sfida.
L’amore, la mia arma
 
A te dedico la mia vita
perchè nell’uccidere per non essere uccisi
non vi è senso alcuno
nel morire per amore
tutto il senso dell’universo
 
M.

Che io stia bene ..una preghiera

that I would be good even if I did nothing
that I would be good even if I got the thumbs down
that I would be good if I got and stayed sick
that I would be good even if I gained ten pounds
 
that I would be fine even if I went bankrupt
that I would be good if I lost my hair and my youth
that I would be great if I was no longer queen
that I would be grand if I was not all knowing
that I would be loved even when I numb myself
that I would be good even when I am overwhelmed
that I would be loved even when I was fuming
that I would be good even if I was clingy
that I would be good even if I lost sanity
that I would be good whether with or without you  
 
A. Morissette – That I would be good
 
 
Che io stia bene anche se non avro’ fatto nulla
Che io stia bene anche se avro’ il pollice verso il basso
Che io stia bene se mi ammalassi o rimanessi ammalata
Che io stia bene anche se dovessi ingrassare 5 kili
Che io stia bene anche se dovessi rimanere senza soldi
Che io stia bene anche se perdessi i miei capelli e la mia giovinezza
Che io sia grande anche se non saro’ piu’ regina
Che io sia grandiosa anche se nessuno dovesse piu’ conoscermi 
Che io sia amata anche se dovessi pietrificarmi
Che io stia bene anche quando mi sentiro’ sopraffatta
Che io sia amata anche quando andro’ su tutte le furie
Che io stia bene anche quando saro’ appiccicosa
Che io stia bene anche se dovessi perdere il lume della ragione
Che io stia bene  con o senza di te…
 
 

Il tuo mondo

 
Sole a picco,
sudore negli occhi
strade di polvere
e salita,
tanta salita
 
Cuore, testa,
testa, cuore
spilli nelle gambe
la paura di non farcela
 
Tornanti
ancora tornanti
le grida isteriche
di tifosi impazziti
si aquietano
 
 
Solo io,
la montagna
e tu
in vetta ad attendermi.
 
 
Max
 
 

Notti d’amore

 

La brezza della sera
spezzata dal duplice filare dei giganti
ricade sul mio volto
teso all’orizzonte
in cerca del tuo profumo,
della tua essenza,
di quella scintilla
che ha riacceso la mia vita,
che mi ha fatto donare il cuore.
Nei tuoi occhi,
gli occhi innocenti di un bimbo.
Nel tuo cuore,
il cuore di un Budda.
Nell’immensità del mare,
il calore del sole al tramonto
si scioglie in mille stelle.
Il vento, oramai quieto,
lascia che l’umidità,
ti adagi dolcemente
su di me.
Dormo,
attendendo un’alba,
che parli ancora di te.

M.
 
 
 
 
Non so quanto fossimo distanti,
io,
la tua finestra,
tu,
il mio circospetto pensiero.
Ti ho visto quadro pastello
dipinto a ciglia umide di primo amore che muore.
Ti ho visto, percorrere dorate colline coltivate a grano,
fermarti a riposare.
Riflessi di calda rugiada sulle braccia piegate
a conchiglia tra i tuoi capelli.
Una castagna su foglie d’autunno.
 
Ti ho visto occhi chiusi, disteso il volto
solitudine antica, compagna, la tua bici.
Ti ho visto, guardando il mio tramonto,
il mio, forse in tempesta.
Ti ho visto perche’ era lo stesso mare.
Ti ho visto perche’ a guardarlo coi tuoi occhi,
avrei voluto esserci.
E.
 
 

Io abito la possibilita’

 

I dwell in Possibility-

A fairer House than Prose-

More numerous of windows-

Superior for Doors-

 

Of  Chambers as the Cedars-

Impregnable of Eye-

And for an Everlasting Roof

The Gambrels of the Sky-

 

Of Visitors-the fairest-

For Occupation-This-

The spreading wide my narrow Hands

To Gather Paradise-

 

 

Emily Dickinson (1862)

 

 

Io abito la Possibilita’

Una casa piu’ bella della prosa

piu’ ricca di finestre

superbe le sue porte

 

E’ fatta di stanze simili a cedri

che lo sguardo non possiede

Come tetto infinito

ha la volta del cielo

 

La visitano ospiti squisiti

La mia sola occupazione

spalancare le mani sottili

per accogliervi il Paradiso

 

 

Cammina leggero, perche’ cammini sui miei sogni

Egli desidera il tessuto del cielo

 Se avessi il drappo ricamato del cielo,
Intessuto dell’oro e dell’argento e della luce,
I drappi dai colori chiari e scuri del giorno e della notte
Dai mezzi colori dell’alba e del tramonto,
Stenderei quei drappi sotto i tuoi piedi:
Invece, essendo povero, ho soltanto sogni;
E i miei sogni ho steso sotto i tuoi piedi;
Cammina leggera, perché cammini sui miei sogni.

William Butler Yeats
(Dublino 1865-Cap Martin 1939)
 

Shiver

Un ballo che non facevo da tanti anni, gli anni del liceo credo.
Una canzone che senza saperlo stava parlando per noi.
Alla fine io tremavo, senza pensare alla canzone, al titolo,  a nient’altro che a te, io tremavo.
Di bellezza, di pienezza, di gioia.
Si trema anche di gioia, si, l’ ho scoperto solo oggi.
Intenso.
Intenso.
Intenso.
 
 
Rileggo e traduco solo ora, e solo ora mi accorgo: sorrido, perche ora so, che con noi oggi c’era un pezzetto di universo.
Promessa solenne, tu  a me, io a te.
Non la dimentichero’, non farlo neanche tu.
 
Artista: Natalie Imbruglia
Titolo: Shiver
Titolo Tradotto: Tremo
 
I walk a mile with a smile
And I don’t know
I don’t care where I am
But I know it’s alright

Jump the tracks
Can’t get back
I don’t know anyone around here
But I’m safe this time

Cos when you
Tell me, Tell me, Tell me
Stupid things, like you do
Yes, I
Have to, have to, have to
Change the rules
I can’t lose

Cause I shiver
I just break up
When I’m near you
It all gets out of hand
Yes I shiver
I get bent up
There’s no way that
I know you’ll understand

We talk and talk
‘round it all
Who’d have thought
We’d end up here
But I’m feeling fine
In a rush
Never trust
You’ll be there
If I’d only stop and take my time

Cos with you
I’m running, running, running
Somewhere I can’t get to
Yes I have to have to have to
Change the rules
I’m with you

What if you get off at the next stop
Would you just wave us I’m drifting off
And if I never saw you again
Could I keep all of this inside

Pert te..

Cammino per un miglio con un sorriso
E non so
Non m’importa dove sono
Ma so che va tutto bene

Salto le strade
Non posso tornare indietro
Non conosco nessuno qua attorno
Ma sono in salvo questa volta

Perché quando tu
Mi dici, mi dici, mi dici
Cose stupide, come fai tu
Si, io
Devo, devo, devo
Cambiare le regole
Non posso perdere

Perché tremo
Vado in pezzi
Quando sono vicino a te
Tutto sfugge di mano
Si io tremo
Vengo piegata
Non credo tu possa capire.

Noi parliamo e
Ci giriamo tutto intorno
Chi avrebbe pensato
Che saremmo finiti qui
Ma mi sto sentendo bene
In gran fretta
Non ho mai sperato che
Tu saresti stato qui.
Se solo potessi fermarmi e prendere tempo

Perché con te
Sto correndo,correndo, correndo
Da qualche parte dove non posso arrivare
Si devo devo devo
Cambiare le regole
Sono con te

E se tu scendessi alla prossima fermata
Faresti solo un cenno mentre io mi sto allontanando
Se non ti vedessi mai più
Potrei (potrei)
Tenermi tutto (tutto)
Dentro?