Blog Chiuso per ferie – 23 Dicembre- 15 Gennaio

 
 
 
 
Scusate, emergenza babbo natale in Indocina: andro’ per tre settimane a consegnare i regali.
Il blog, se avro’ la forza, riaprira’ il 15 gennaio. Torno il 13 ma mi serviranno un pai di giorni di assestamento dopo la lunga vacanza.
Parto domani ed ancora non ho preparato lo zainetto, immaginatevi il ritardo sull’assestamento di rientro…
Che dire, mi mancherete e mi mancheranno i vostri simpaticissimi commenti sparsi per la rete.
Orbene, parto per lunga ed immeritata vacanza, un augurio di buone feste a tutti voi.
A Bientot
 
 
 
Annunci

Regali per la Vita

 
 
 
 
io ho appena acquistato…
 
Regalo

Quantità

Prezzo

80 Quaderni di scuola

1

€ 6,00

Zanzariera con insetticida a lunga durata

1

€ 5,50

Sali reidratanti, 100 bustine

1

€ 6,00

Biscotti ad alto valore proteico (20 confezioni)

1

€ 11,00

Vaccino antimorbillo per 20 bambini

3

€ 20,04

Gioco per bambini

1

€ 9,00
La cosa fica e’ che tu compri un regalino, e l Unicef ti manda a casa un piccolo gadget, o lo manda a chiunque vuoi tu. Sul biglietto allora scrivi" Questo e’ il tuo regalo di Natale, oggi hai reso la vita di un bimbo un po’ piu’ bella, e forse la vita, glie l’ hai salvata. Grazie da parte mia e piu’ ancora del bambino, Buon Natale".
Insomma, se uno dei vostri amici dovesse guardarvi con aria perplessa e delusa, cambiate amici.
 
La spedizione del regalo si puo’ anche seguire direttamente sul sito Unicef, fichissimo, sai anche quando lo cosegnano, e’ bello, perche’ sono regali veri.
 

Dorsali del Settimo piano

 
L’ultima notte a letto con te.
 
D’un tratto nel folto bosco
a occhi bassi
ogni cosa e’ illuminata
d’amore e ombra
 
 
 
Montero, Amos Oz, Ben Jelloun, Isabelle Allende
 
 
 
 
 
 
Privo di Titolo
 
Confesso che ho vissuto
una storia d’amore e di tenebra
Per voce sola
 
La Voce delle onde
i dialoghi mancati
silenzi
fragili e virtuali
 
Camilleri, Neruda, Amos Oz, Susanna Tamaro, Mishima, Tabucchi, Dickinson, Banca di Roma Sarcastico
 
 
 
 
Lettere contro la guerra
 
Anima Mundi,
non dire notte.
Dio non e’ grande.
 
 
Questa storia
e’ quel che e’.
 
Dagherrotipi,
Gladiatori
Non in nostro nome
ingannati e traditi
 
Foglie morte
senza sangue.
 
 
Terzani, Tamaro, Hitchens, Amos Oz, Baricco, Fried, Blixen, Zinn, Moore, Baricco.

Poesie Dorsali

Questa è una strana iniziativa. Non è un contest, almeno non totalmente. Non è proprio un meme, non solo. Lo abbiamo cambiato Memetest o, in forma contratta, Meme’st. Non è un contest perché non ha un’organizzazione centrale e tutti possono prendervi parte replicando a loro volta l’idea sul proprio blog, anche indipendentemente da questo ambito maumozio-scafrogliano. Non è semplicemente un meme, almeno non di quelli classici che girano. E’ un’idea che si propaga ma in forma strutturata, con regole adattive al contesto in cui si adatta. L’idea dovrebbe propagarsi e raggiungere un proprio equilibrio. O forse potrebbe non raggiungerlo mai, chi lo può sapere a priori. Questo memetest non l’abbiamo inventato noi, è anzi molto diffuso e noi ci accingiamo a riproporlo con questa nostra iniziativa.
Quello di cui ci andremo ad occupare si chiama Poesia Dorsale. Il tutto consiste nel formare una pila con alcuni libri, sui quali siano presenti i titoli sui dorsi, e formare un pensiero poetico. Un esempio lo fornisce Mauro con la sua La volontà di essere felici (come Thomas Mann incredibile…).

 

La volontà di essere felici

La poesia dorsale sarà quindi:

 

La volontà di essere felici (titolo)

 

Una storia anche d’amore,

la storia dell’amore.

Da un’altra carne,

la bambina dietro la porta,

il padre e lo straniero

Io non ho paura,

ragionevoli dubbi.

L’amore non guasta,

S’e’ fatta ora

una nuvola come tappeto.

 

Facile, no?! Basta avere libri ai iosa a casa e tutti ne avrete a bizzeffe, librerie a sette ripiani di libri ciascuna!

Nel caso, grazie all’espediente della licenza poetica, si possono usare cataloghi Ikea, orari ferroviari, elenchi telefonici, libri universitari, cd, dvd, musicassette, lp (purché abbiano dorsi), fumetti (idem). Tutto purché abbia un dorso (persino scritto sul dorso di una mano!).

Tutti sono liberi un po’ come vogliono. Noi abbiamo aperto una galleria in cui raccogliere le opere e alla fine del memetest (31 dicembre probabilmente) si vota tutti assieme il pezzo più bello. Potete mandarci anche pezzi composti in vostre edizioni del memetest che ritenete molto significati, o solo simpatici, noi li raccogliamo tutti. Premio tanta gloria.

L’iniziativa è partita dal geniale Silvano Belloni!

La Fondazione Frammenti Mobili ha fatto subito sua l’idea e prova a lanciarla coinvolgendo per istinto provocatorio (anche se la cosa non finisce qua, potranno esserci altri scaglioni o possiamo venire noi a casa vostra ad ordinarvi i libri):

Propagate sul vostro blog o fate partecipare direttamente da voi, come volete. L’imperativo categorico è: fare.

Diego, Barbarella, Anna, Max., Giuseppe, Tanya.

Le Ragioni del Budino

Le Ragioni del Budino.

Una domenica pomeriggio a casa, in compagnia. Tempo incerto fuori. Freddino. Non troppo ma freddino.

Dopo circa 17 anni, io ed il Budino abbiamo trovato un accordo. In dispensa almeno un pacco, per quando il latte comprato per ospiti ed avventori mai arrivati, necessitera’ di una prova d’amore, prima che la famigerata scadenza veda la sua fine.

Ho preparato mezzo litro di budino alla vaniglia, in 2 coppette giganti, e mezzo litro di Crème Caramel, in 4 coppettine.

17 lunghi anni, mi ci sono voluti, per far pace con la confezione azzurrina, con la quale, tralatro, non ricordo di aver mai litigato.

Un bell’incontro, dovuto haime’ ad un triste antefatto, troppo latte per un ospite che non verra’, ma pur sempre portatore di gentili ricordi della mia adolescenza.

Il Budino, mi vuole ancora bene.

Non me lo merito, ma I budini sono cosi’, sanno perdonare.

Ho molto da imparare da loro.

A parte il fatto che mi ricordano Woody Allen

Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso  ma non avete mai osato chiedere.

Ecco, questi I pensieri in cucina in una qualsiasi domenica di Dicembre, nella quale ho trovato il tempo anche di agghindare nataliziamente la mia lampada realizzato con l’orcio del vino.

Non ci saro’ a Natale, partiro’ il 23 Dicembre per tornare il 13 Gennaio, 3 settimane di meritata vacanza, ma soprattutto, 3 settimane solo per me, sola con me. bEcco perche’, quest’anno, niente albero.

Ancora 21 giorni, e volero’ via, rotta Indocina.

 

Quando tornero’, dio vedra’ e provvedera’, alle mie finanze, in primis, al mio cuore, secondo ma non ultimo.

Ultimo, il mio cuore , quello mai.

Stasera mi concedero’ un guilty pleasure, e mi guardero’ L’illusionista: inizio della trama: .


“In un mondo dove nulla è come appare…”

Cioe’, dico, intende, il mio?

Pensieri in seria disconnesione cosmica.

Vado a cucinarmi le castagne.

Buona Serata a tutti.