Voglio volere volare

Me e le conseguenze di me

 

Qualcuno mi ha chiesto 2 giorni fa : “ Ma Enrica, cosa vuole?”.

 
La domanda aveva due valenze, una per me, una per lui: alla prima, la cui risposta avrebbe avuto piu’ significato per il mio interlocutore, non voglio rispondere. Era una domanda provocatoria e intelligente, la cui risposta, l’interlocutore, conosce gia’. Quello di cui non sono certa, e se lui si sia posto la stessa domanda. Non amo le provocazioni, ma ne capisco il senso e la logica. Questa, in realta’, mi ha dato l’occasione per riflettere su di me, ed e’ la valenza che ho voluto dargli io.
 
Mi limitero’ a rispondere pubblicamente alla seconda valenza, la quale, ha piu’ senso per me. La risposta non e’ per lui ovviamente, che avrebbe voluto sentirsi dire altro, e che tralatro, non legge il blog. La risposta e’ per me. Pensarci e’ stato un bel viaggio…

View original post 860 altre parole

I am on my way.

 

Ci sono concerti che ti fanno sentire bene.

Quei concerti che ti fanno sentire al tuo posto. La musica è la tua, la senti, la indossi, ti parla del tuo mondo.

Ci sono altri concerti che ti fanno sentire terribilmente fuori posto, o che forse, più semplicemente ti ricordano che hai quasi 40 anni, anche se te ne senti parecchi di meno.

Ci sono concerti poi dove una canzone, magari una sola, una di quelle troppo, davvero troppo romantiche, si piantano nella tua testa e nei piedi, e tu, immobile, rimani granitica.

E ci sono, tra quelle stupide canzoni, testi e musiche semplicissime, banalissime, che ripudieresti mille volte e mille altre ancora, troppo, davvero troppo romantiche per una come te, troppo commerciali, troppo frivole, troppo stupide che tuttavia riescono a paralizzarti: rimani li, pura massa nello spazio vuoto, con gli occhi vagamente umidi e pensi a cosa cazzo stai facendo li.

Io non ci credo.

Sono immagini per ragazzini acerbi, spensierati, senza bagaglio.

Sono invenzioni letterarie per rendere il viaggiò più interessante, ma no, non ci credo.

Non ci credo più.

Non ci credo.

Ci credevo una volta.

Tanto tempo fa, quando come Mr Bartleboom, conservavo un diario pieno di lettere d’amore e poesie per uno sconosciuto che avrei certamente incontrato, assolutissimamente, un giorno, sulla mia strada, incrociato.

Ecco tutto.

Ci credevo davvero e no, non ci credo più, ma mi commuovo ancora quando penso che era bello, davvero bello crederci.

O forse è solo uno strato sottile di ghiaccio che si scioglie, da questo Iceberg che sono diventata, quello che stasera ha deciso di inumidirmi gli occhi.

Conscia che domani il ghiaccio tornerà, decido dunque di godermi questi piccoli attimi di malinconia solitaria, sapendo che non ho nulla da temere, che domani, musica frivola o no, stupida o no, il ghiaccio mi abbraccerà di nuovo, li a proteggermi dai piccoli fallimenti sentimentali, dalle credenze infantili, dai sogni che da tanto, non sogno più.

Chiudo gli occhi, indosso le mie cuffie in bluetooth per potermi addormentare cullata da pensieri terribilmente adolescenziali, ben consapevole che mi sveglierò domani, ed Io tornerò ad essere Me, quella musica non mi dirà più nulla e la vita tornerà a scorrere con le sue usuali, inutili quanto imperturbabili certezze.

“I Wasn’t there the moment you first learned to breathe

But I’m on my way

On my way

 

I wasn’t there the moment you got off your knees

But I’m on my way

On my way

Lay down

And come alive in all you’ve found

All you’re meant to be

 

And for now

Just wait until the morning light

And close our eyes to see

Just close your eyes to see

A tear must have formed in my eye

When you had your first kiss

But I’m on my way

On my way

 

So leave a space deep inside for everything I’ll miss

Cause I’m on my way

On my way

Lay down

And come alive in all you’ve found

All you’re meant to be

 

And for now

We’ll wait until the morning light

And close our eyes to see

Just close your eyes to see

 

And when you feel no saving grace

Well I’m on my way

On my way

 

And when you’re bound to second place

Well I’m on my way

On my way

 

So don’t believe it’s all in vain

Cause I’m on my way

On my way

The light at the end is worth the pain

Cause I’m on my way

On my way

 

I’ll be there the morning you come out in white

Cause I’m on my way

On my way”

Immagine